Secondo il servizio pubblicato da Trouw questo Martedì, più del 50% degli investitori istituzionali olandesi continua a puntare sul tabacco.“Il fumo è legale, perciò la maggior parte degli acquirenti non vede alcuna ragione per modificare la propria politica economica” riporta il ricercatore Hester Holtland, in merito alla posizione degli investitori nei confronti dell’associazione per lo sviluppo sostenibile VBDO.

Incaricato da Dutch Heart Foundation, il VBDO ha analizzato le dinamiche della politica d’investimento di 55 investitori istituzionali olandesi; queste includono 30 fondi pensionistici, 8 gestori patrimoniali e 11 assicuratori. La maggior parte prevede di investire nel settore del tabacco, il 53% sostiene di non aver investimenti diretti nel tabacco allo stato attuale.

Secondo Holtland sarebbero ancora troppi i “miti” al giorno d’oggi nel mondo degli investimenti e viene considerato assurdo che il tabacco sia visto come una sicura fonte di guadagno su cui impegnare il capitale; ma il numero di fumatori a livello mondiale è in diminuzione e ci sarà dunque meno da guadagnare nel lungo periodo. Un’altra delicata obiezione riguarda invece il versante dei diritti umani: troppi bambini sono stati messi al lavoro nelle piantagioni di tabacco, violando la loro condizione umana e civile.

Fondo per il servizio civile

Tuttavia, i funzionari dell’enorme fondo pensione ABP continuano ad impegnare il loro capitale nel tabacco. “Noi non investiamo in società che producono prodotti illegali. Il fumo è legale e non vediamo alcuna motivazione per interrompere le nostre direttive economiche” dice Asha Khoenkhoen di ABP.

Ci sono enormi differenze tra gli investitori istituzionali. “Due terzi dei fondi pensione non ha ancora una politica sugli investimenti nel settore del tabacco” spiega Holtland, “E solo il 10% ha gli assicuratori”. “Gli assicuratori sanitari sono coinvolti quotidianamente nel settore della sanità, quindi dovrebbe essere logico che si adattino alla loro politica d’investimento”.

Il direttore di Dutch Heart Foundation, Floris Italianer, dichiara di esser rimasto impressionato dai risultati. La maggioranza della popolazione supporta una generazione di fumatori. “I fondi pensionistici dovrebbero assumersi seriamente le loro responsabilità e contribuire ad incentivare uno stile di vita sano”.