Gli ebrei hanno opposto “scarsa resistenza” durante la seconda guerra mondiale, peggiorando le conseguenze dell’Olocausto, ha detto Toine Beukering in un’intervista al Telegraaf. Il sessantenne ex colonnello, sarà il caporgruppo di FvD al senato e potrebbe diventare presidente della Eerste Kamer anche se è un debuttante assoluto in politica.

La sua intervista copriva le sue ragioni per mettere in discussione l’idea che la Russia o i separatisti sostenuti dalla Russia hanno abbattuto il volo MH17 della Malaysia Airlines, e perché anche senza esperienza politica avrebbe dovuto essere autorizzato a guidare la delegazione alla Eerste Kamer, la camera alta del parlamento olandese.

Le dichiarazioni sull’Olocausto

Parlando delle sue ragioni per perseguire una carriera nell’esercito, Beukering ha pontificato sulla sua ammirazione per Napoleone e i suoi pensieri sulla seconda guerra mondiale, in particolare l’Olocausto. Fin da bambino, ha detto di aver letto molti libri sulla Shoah, la parola ebraica per “Catastrofe”, usata frequentemente per definire la morte di sei milioni di ebrei durante la guerra.

“Sono sempre stato incuriosito da come sia stato possibile. Che gli ebrei – gente così coraggiosa – siano stati semplicemente condotti nelle camere a gas come agnelli docili, cosa che non ho mai compreso”, ha detto, aggiungendo che non ha mai capito perché sia successo. “Ecco perché ho indossato un’uniforme per quarant’anni e ho viaggiato in tutto il mondo”, ha detto sostenendo di essersi arruolato per evitare che quel passato si ripresentasse.

Quando è stato spinto a spiegare cosa intendeva per “agnelli docili “, ha detto che era perché “c’era scarsa resistenza” e ha chiarito che non intendeva che fossero morti volontariamente. “Non sto offendendo nessuno con questo”, ha affermato, citando anche una recente occasione in cui ha indossato la kippah a sostegno del popolo ebraico.

I suoi commenti sono stati denunciati rapidamente da molte organizzazioni esperte della questione. “C’era resistenza ovunque: la mancanza di conoscenza ed educazione sull’Olocausto è un fallimento”, ha detto Maria van Beurden Cahn del NIOD Institute for War, Holocaust and Genocide Studies di Amsterdam.

Gli ebrei non erano “docili agnelli”, ma piuttosto “vittime della disinformazione, della cooperazione governativa e della macchina distruttiva tedesca. La verità è che era inevitabile.”, ha detto Esther Voet, direttore del Nieuw Israëlietisch Weekblad al Telegraaf. Il politico Jan Paternotte ha espresso eguale disappunto. “Che schiaffo insensato a tanti sopravvissuti e che folle falsificazione storica”, ha affermato su Twitter il deputato della D66.

Le opinioni sull’MH17

In merito all’MH17, Beukering ha detto al giornale che voleva vedere più prove del fatto che i russi abbatterono l’aereo passeggeri. Tutte le 298 persone sul volo da Amsterdam per Kuala Lumpur sono rimaste uccise quando un missile BUK ha colpito l’aereo nel luglio 2014.

Anche se sono passati cinque anni da quando l’aereo è stato abbattuto, Beukering pensava che le conclusioni su chi avesse sparato il missile fossero sotto pressione per essere rilasciate rapidamente. Le ricerche del Joint Investigation Team condotto dai Paesi Bassi sono state rilasciate più di un anno dopo l’incidente, e ulteriori prove che collegavano l’unità missilistica alla Russia sono state presentate più di due anni dopo che l’aereo è esploso nel cielo sopra l’Ucraina orientale.

Beukering ha pensato che fosse chiaro che era stato usato un missile Buk, ma si chiedeva se potesse essere stato un “pazzo ucraino” ad aver sparato il razzo. Il leader del FvD Thierry Baudet ha scandalizzato molti sostenendo che l’abbattimento potrebbe essere stata opera dell’Ucraina. Baudet ha sostenuto per anni che l’inchiesta sull’MH17 potrebbe non essere credibile e nel 2016 ha chiesto all’allora presidente-eletto Donald Trump di avviare un’indagine indipendente.

Candidato alla guida del Senato per Forum Voor Democratie

L’ex militare ne ha avuto anche per Baudet: non si trova d’accordo, ad esempio, con il controverso articolo di opinione in cui il capo di FvD parlava in modo sprezzante dell’uguaglianza di genere nelle questioni legate al lavoro, per il no all’eutanasia e i diritti delle donne all’aborto.

Ha anche detto che la sua mancanza di esperienza è in linea con l’ethos del partito FvD, che, ha detto, ha sostenitori da tutti i percorsi di vita