Un giovane di origine marocchina, ha sporto denuncia contro il Museo di Van Gogh per discriminazione. Secondo la sua ricostruzione -supportata da un video amatoriale girato durante l’episodio- personale della sicurezza all’ingresso, gli avrebbe negato accesso al museo: “Meglio nessun marocchino”, avrebbero detto gli uomini della security.

Il ragazzo aveva vinto un ingresso omaggio al museo e si sarebbe recato per la visita lo scorso giovedi. Secondo quanto riportato da AT5 e dalla polizia, che ha confermato l’esposto, il giovane sarebbe stato approcciato dal personale di sicurezza mentre sostava in fila: gli avrebbero chiesto il documento e successivamente gli avrebbero intimato di andarsene: “In fila era l’unico non bianco. E la carta d’identità, guarda caso, l’hanno chiesta solo a me”.

Sentito da AT5, il Van Gogh non condivide la ricostruzione: secondo il museo, il rifiuto sarebbe stato giustificato da comportamenti aggressivi del giovane. “Approcciare persone in coda per facilitare il flusso, spiegando ai visitatori dove lasciare i bagagli o dove si trova la biglietteria, è una nostra policy”. Ma il ragazzo sostiene di essere stato il solo approcciato dallo staff del museo e nonostante il Van Gogh sostenga che le accuse di razzismo “sono state mosse solo perchè gli abbiamo rifiutato l’ingresso” c’è ancora molto da chiarire in questa vicenda.