“Sono arrivata in Olanda un po’ per caso. C’ era la possibilità di vincere una borsa di studio per uno stage all’estero ed io, ovviamente, l’ho colta al volo. Da più di un anno ho adottato questo strano stile di vita che mi ha portato a vivere in tre Paesi diversi: prima come studente in Irlanda, poi come cameriera in Inghilterra e ora come aspirante giornalista in Olanda“.

“Per quale motivo non riesci a stare ferma? Anche tu sei esterofila come molti Italiani?”

“Odio la monotonia e l’abitudine, stare ferma nello stesso posto per troppo tempo…Mi piace imparare sempre qualcosa di nuovo e avere amici sparsi per tutto il mondo. Ho sempre amato viaggiare. È una passione che mi hanno trasmesso i miei genitori, da quando da piccola passavamo mesi in camper in giro per l’Europa“.

“Tre Paesi in pochi anni: cosa ti hanno lasciato?”

“Tutti e tre i Paesi in cui ho vissuto mi hanno insegnato qualcosa, ma vorrei comunque continuare a viaggiare e vivere all’estero fino a quando avrò la possibilità di farlo…Sto già cercando la nuova destinazione! Prima o poi troverò il posto giusto in cui fermarmi…

“Dei Paesi Bassi, in particolare, cosa ti porti a casa?”

“L’ Olanda è stata una piacevole sorpresa: studio Giornalismo a Parma, una professione che fino ad ora ho appreso in modo asettico e impersonale. Qui ho incontrato persone che con passione dedicano la propria vita a questo mestiere così complesso e precario. Osservarli nel loro tentativo quotidiano di diffondere un’informazione libera e di qualità, in modo così appassionato, mi ha fatto tornare la voglia di essere giornalista. Si sente spesso parlare di morte del giornalismo ma da questa esperienza ho tratto un importante insegnamento: è vero, il giornalismo, per come lo conoscevo, è finito. Dobbiamo reinventare questo mestiere con i nuovi strumenti a disposizione…Costruire qualcosa di nuovo“.

“Cosa farà Sofia da grande?”

“La cosa più bella sarebbe riuscire a coniugare la mia vita con il mio lavoro e la mia passione per il viaggio. Una vita con la valigia in mano, il mio sogno! Se poi non riuscissi a fare la giornalista da grande…Sicuramente non potrei fare la cantante. Sono note le mie performances olandesi al karaoke in cui, vuoi il tasso etilico, vuoi la mia voce da usignolo, ho rischiato di essere cacciata malamente dalle mie coinquiline olandesi. Esistono dei video che testimoniano tutto…Per fortuna materiale top secret affidato alla discrezione di pochi fortunati…Ah! Il mio pezzo forte è Wrecking Ball di Miley Cyrus…Però credo sia meglio se continuo a cantarlo solo sotto la doccia.

Potrei però diventare la Bridget Jones delle giornaliste…Come quella volta che per fare un servizio speciale sono volata dal palo dei pompieri…I miei colleghi mi vogliono bene anche per questo…”.

[envira-gallery id="17494"]

Per iscriverti alla fanpage su Facebook di Genti d’Olanda clicca QUI!