BELGIO

BELGIO

Gent, autista di autobus insulta ragazza incastrata tra le portiere del suo veicolo. “Torna nel tuo paese”.

Mercoledì scorso un autista della compagnia di autobus De Lijn di Gent, si sarebbe macchiato di un episodio di razzismo. Invece di aiutare una ragazza che era rimasta incastrata tra le portiere del suo autobus, infatti, l’uomo l’avrebbe insultata dicendole: “torna al tuo paese.”

Secondo i testimoni l’autista avrebbe ignorato le richieste di aiuto della ragazza, terrorizzata dopo essere rimasta intrappolata a una fermata vicino a Korenmarkt.

“La ragazza aveva il braccio chiuso nelle portiere. Avrà avuto 15 anni” dichiara un testimone a HLN, descrivendo la vittima come una “straniera”. “L’abbiamo detto subito all’autista, ma lui è rimasto impassibile.”

 

 

Quando poi la ragazza ha cercato di liberarsi dalle portiere “in tutti i modi possibili”, e i passeggeri hanno continuato a protestare, l’autista ha iniziato a prendersela con la giovane.

“Ha iniziato a urlarle che non poteva prendere a calci il suo bus, e che doveva tornarsene nel suo paese” continua il testimone.

Le autorità adesso stanno indagando sull’accaduto, soprattutto dopo che un testimone ha sporto un reclamo contro la compagnia di trasporti.

“Prendiamo la questione seriamente e indagheremo con cura” ha dichiarato la compagnia, “De Lijn non tollera il razzismo”.

SHARE

Altri articoli