Un tempio romano intatto è stato ritrovato da qualche tempo a Herwen-Hemeling (Zevenaar), nel Gelderland, nonostante le autorità avessero deciso di tenere il riserbo sulla questione, dice AD. La scoperta è stata presentata lunedì a Zutphen.

Secondo l’Agenzia per il patrimonio culturale dei Paesi Bassi, questa è una scoperta unica sul sito della fabbrica Wienerberger;  altri ritrovamenti sono stati fatti intorno a Zevenaar, ma questa è considerata una scoperta unica: “Nei 25 anni in cui sono stato un archeologo, non avevo mai trovato una scultura romana”, afferma Erik Verhelst van Raap.

Secondo AD, sono probabilmente diversi i templi sul sito dello scavo: sono stati ritrovati resti di idoli, rilievi e intonaci dipinti. Una particolarità è il ritrovamento di diverse pietre votive complete o altari dedicati a vari dei e dee.  

Da venerdì, vari capolavori del sito saranno in mostra al Museum Het Valkhof di Nijmegen.

Secondo gli archeologi, i soldati romani di Herwen-Hemeling pregarono i loro dei dal I al IV secolo e le pietre sono dedicate a Ercole Magusano, Giove-Serapide e Mercurio. Anche un grande pozzo in pietra poteva avere una funzione speciale: una scala in pietra scendeva nell’acqua. 

Diversi santuari romani sono conosciuti nei Paesi Bassi, ma questo è il primo tempio c trovato proprio al confine dell’Impero Romano (Limes) nei Paesi Bassi, secondo l’Agenzia per i Beni Culturali.