NL

NL

Gas a Groningen, il governo ad un bivio: sostenibilità o controllo dei prezzi?

I prezzi estremamente elevati dell’energia dovuti alla scarsità di gas sono più che un incidente per i Paesi Bassi. È quanto sostengono i ricercatori del Centro per gli studi strategici dell’Aia (The Hague Center for Strategic Studies)  in un rapporto appena pubblicato. Secondo gli esperti, devono essere fatte scelte difficili affinché i Paesi Bassi non “finiscano al freddo”, dice NOS.

C’è un “gap” tra l’annunciata chiusura del giacimento di Groningen e l’estrazione di grandi quantità di energia sostenibile in futuro. Nel frattempo, i ricercatori affermano che i Paesi Bassi sono estremamente vulnerabili ai prezzi del gas e rischiano persino carenza di energia.

“Abbiamo due grandi sfide nel campo dell’energia: costruire un nuovo sistema a zero emissioni di CO2 e chiudere il sistema esistente in modo decente, senza incidenti rilevanti. Anche questa seconda sfida merita la nostra attenzione”. Così scrivono gli autori del rapporto, Jilles van den Beukel e Lucia van Geuns. Propongono una combinazione di soluzioni, come contratti a lungo termine, riserve strategiche e produzione da giacimenti più piccoli. Ciò significa che il governo deve assumere il controllo se si vogliono prevenire carenze.

I prezzi elevati del gas in precedenza non erano un problema per i Paesi Bassi, perché da Groningen si poteva estrarre più gas ma questo approccio è cambiato dopo l’annunciata chiusura del giacimento locale. I Paesi Bassi dipendono completamente dai prezzi di mercato giornalieri per le importazioni, che ora stanno raggiungendo livelli senza precedenti.

L’Olanda ha tre grandi impianti di stoccaggio del gas a Norg (Drenthe), Grijpskerk (Groningen) e Bergermeer (Noord Holland), spiega NOS. A causa del freddo dello scorso inverno e della primavera, quei depositi sono stati riempiti solo moderatamente (55%): si tratta di depositi di stoccaggio commerciale di compagnie petrolifere e del gas che non sono obbligate a riempire.

A causa della chiusura del rubinetto del gas a Groningen, la produzione dei cosiddetti piccoli giacimenti a terra e nel Mare del Nord sta diventando sempre più importante, perché quei giacimenti possono offrire sicurezza di approvvigionamento.

Il governo ipotizza anche risparmi e un calo della domanda di gas naturale nei prossimi anni, ma i ricercatori hanno riserve al riguardo. La situazione -poi è già disastrosa: secondo i ricercatori, un forte gelo può già portare a problemi questo inverno. 

 

SHARE

Altri articoli