Almeno 200 studenti sospettati di aver ricevuto finanziamenti non dovuti, dovranno rimborsare nulla a causa di un errore amministrativo.

Un tribunale ha stabilito che le prove raccolte dal servizio di istruzione DUO nelle indagini sulle frodi non erano valide perché i controlli erano stati effettuati da liberi professionisti o lavoratori casuali. Il ministero dell’istruzione aveva stabilito che solo i dipendenti erano autorizzati a svolgere i controlli.

L’anno scorso sono stati ispezionati 2080 file scolastici e sono state elevate 688 multe, ma in 88 casi i giudici hanno dichiarato la scoperta irricevibile perchè i membri non erano funzionari pubblici. 

Chiunque abbia iniziato a studiare prima del 2015, quando è entrato il sistema di prestiti studenteschi, ha diritto ad una sovvenzione di almeno 104 euro al mese se vive a casa, ma quelli che studiano lontano ricevono 290 euro al mese o più.

A marzo uno studente ha vinto un caso contro l’agenzia dopo che è emerso che una delle due persone che hanno esaminato i suoi record era un tirocinante.

DUO ha sostenuto al Volkskrant che lo staff non dipendente non era stato utilizzato per le ispezioni dalla scorsa estate.