Il Fotografo Erwin Olaf ha donato 412 fotografie, sette video e innumerevoli riviste al Rijksmuseum di Amsterdam. Il museo ha anche comprato 60 suoi scatti e tre video per 200mila euro, come riporta il Volkskrant.

Il Rijksmuseum ospiterà il prossimo anno una personale del fotografo. Gli scatti saranno il cuore della mostra e ogni due anni il museo e l’artista decideranno quali opere aggiungere alla collezione.

Le fotografie di Olaf appartengono alla collezione fotografica nazionale gestita dal Rijksmuseum. Il direttore, Taco Dibbits ha dichiarato al Volkskrant: “Olaf è uno dei fotografi più importanti di fine ‘900. Non solo perché dà un volto all’emancipazione gay, ma anche perché il suo lavoro è profondamente radicato nell’arte visiva olandese” .

Olaf è diventato famoso negli anni ’80 grazie ai suoi scatti controversi. Nella serie Squares and Chessmen, per esempio, ha fotografato le erezioni di anziani uomini nudi e imponenti donne in completi bondage. Nel 1989 ha vinto il Primo Premio per i Giovani Fotografi Europei. Nel 2011 ha conquistato il Johannes Vermeer. Olaf inoltre è il fotografo della famiglia reale, ha scattato il ritratto del Re Willelm-Alexander per il suo cinquantesimo compleanno.

Le fotografie saranno in mostra al Rijksmuseum il prossimo anno. In onore del sessantesimo compleanno dell’artista, alcuni suoi scatti saranno esposti anche al Gemeentemuseum e al Fotomuseum dell’Aja.