I quattro partiti dati come possibili partner della prossima coalizione di governo hanno deciso di proseguire nei colloqui per cercare di unifrmare le visioni e dare vita ad un programma di legislatura.

Dopo il dibattito parlamentare e i colloqui tenuti con Edith Schippers, ex ministro della salute ed “esploratrice” per conto del VVD, il partito del premier MarK Rutte, alla ricerca di una combinazione che possa governare il paese, VVD, D66, CDA e Groenlinks hanno accettato di riprendere la discussione la prossima settimana.

Il primo ministro Mark Rutte ha sostenuto che i colloqui erano stati positivi e si è detto disponibile a proseguire la prossima settimana; pur non nascondendo le ampie differenze, soprattutto con il Groenlinks, i leader hanno accettato di proseguire con le trattative. Con 14 parlamentari eletti alle elezioni del 15 marzo, il partito di Jesse Klaver è stata la formazione che ha incrementato maggiormente la sua presenza parlamentare.

I nodi di difficile soluzione sono, soprattutto, la politica energetica, il clima, la distribuzione del reddito e i rifugiati. Mentre D66 e GroenLinks concordano sulle misure ambientali e sull’atteggiamento umano da adottare verso i richiedenti asilo, CDA e VVD premono per la criminalizzazione dei sans papiers.