The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

POLITICS

Formazione governo, leaks degli accordi: misure rigide con i rifugiati, omaggi fiscali alle multinazionali

Il "kinder pardon" rimarrà intatto, con le norme contestate dalle organizzazioni umanitarie

Con l’annuncio della prossima chiusura dei negoziati per la formazione del nuovo governo, aumentano i “leaks” degli accordi raggiunti. Secono NOS, il “kinder pardon”, la sanatoria per i bambini rifugiati sarebbe una misura che ha spaccato i partiti al tavolo delle trattative.

Per questa ragione, visti gli equilibri precari il governo in pectore ha deciso di stralciare una modifica alla norma; rimarranno quindi in vigore le norme vigenti, contestate dalle organizzazioni umanitarie. Nonostante Christen Unie e D66 si fossero impegnati in campagna elettorale ad ammorbidire la posizione, alla fine hanno scelto di uniformarsi alla linea rigida degli altri partner di governo.

Approccio duro anche con i rifugiati, quelli con status: niente sussidi o aiuti con l’alloggio per i primi due anni dall’ottenimento dell’asilo.

Possono gioire le multinazionali: la corporate tax scenderebbe dal 25% al 21% mentre una flat tax del 16% sarà applicata sui primi € 200.000 di profitti.