NL

NL

Focolaio scolastico di “Covid mutato” suggerisce test anche tra i bambini

Il governo ha chiesto all’Outbreak Management Team (OMT) un consiglio a proposito dell’aumento di test per gli studenti della scuola primaria. Il motivo è lo scoppio di un focolaio di “Covid mutato” in una scuola elementare di Bergschenhoek, con 40 contagi. Secondo il GGD è “plausibile” che nella maggior parte dei casi si tratti della variante britannica.

Il ministro della sanità De Jonge ha affermato che il virus si è diffuso nella scuola; secondo lui, ciò potrebbe avere conseguenze per la politica dei test. In precedenza si pensava che i bambini in età scolare difficilmente avessero un ruolo nella diffusione del Covid.

I ministri coinvolti si sono incontrati questo pomeriggio per una riunione all’Aia dove è stata discussa anche la mutazione britannica. La variante non è più pericolosa, ma probabilmente più contagiosa del noto corona-virus.

Secondo De Jonge, non si sa ancora molto, compresa l’entità della diffusione di questa variante nei Paesi Bassi. Lunedì prossimo pensa di poter fare più chiarezza, anche su possibili misure extra.

Oggi i ministri hanno anche discusso se aprire o meno prima le scuole primarie; stando alle indiscrezioni di NOS, i numeri sono troppo alti ed è improbabile che le scuole riaprano prima del 18 gennaio.

SHARE

Altri articoli