Fine Art – Financ€ Lab, un punto d’incontro tra arte e denaro

di Silvia Granziero e Veronica Fumarola

Qual è il punto di incontro tra arte e denaro? Come si attribuisce il valore a un’opera d’arte? Si può vivere d’arte senza diventare uomini d’affari? “Fine Art – Financ€ Lab” ha provato a dare una risposta. Il workshop, organizzato da SUA Collective e 4Bid Gallery, è stato articolato su una serie di incontri per discutere sulle possibilità di finanziamento per le varie forme d’arte.

Ogni sessione, attraverso performance, letture e dibattiti, è stata moderata da un esperto nel campo artistico, della finanza o del management dell’arte e attraverso lo scambio di esperienze ha cercato di rispondere all’annoso quesito. I partecipanti –  artisti e attivisti  Nuria Guell, Christian Maal, Stefanos Tsivopoulos e Johannes Kronenberg – hanno dato vita a incontri di vero e proprio scambio. Daniela Medina Poch, una degli organizzatori, ha spiegato l’origine del laboratorio: “Sentivamo il bisogno di trovare soluzioni per rendere economicamente sostenibile la nostra attività; l’intento era quello di proporre soluzioni per assottigliare il gap tra la dimensione artistica e quella economica, poichè ci sono artisti che non riescono a guadagnare e altri che, avendo molti introiti, parlano del loro lavoro in modo quasi distaccato, come se i soldi contaminassero l’arte”.Fine arts - Finance Lab

Il laboratorio si è posto l’obiettivo di generare uno spazio di riflessione e di discussione sulla relazione tra finanza e arte, confrontando le esperienze e le opinioni di ciascuno ed esplorando le tensioni tra questi due ambiti per capire dove possano incontrarsi. Spiega Daniela: “Cerchiamo strade alternative e per  raggiungere questo obbiettivo abbiamo chiamato a confrontarsi punti di vista ambivalenti e contrastanti. Nel primo incontro, per esempio, ci sono state delle performance, rinominate ‘financial experiences’, per fare incontrare pratica e teoria”.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli