The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

MUSIC

Fiesta Macumba: reggaeton in Olanda e cuore in Cile. L’organizzatore Maurino: sostengo le proteste della mia gente



di Sara Marotta

Source pic: Fiesta Macumba FB page

 

Olanda e reggaeton? Difficile immaginare combinazioni più lontane. Eppure negli ultimi anni, da quanto la musica latina è salita sul podio dei sound globali, con una diffusione mai vista prima, il genere urban con ritmi della Dembow, Dancehall, Reggaeton e Salsa, fanno ballare le piste di mezzo mondo. L’Olanda -a sorpresa- non fa eccezione e negli ultimi tempi ha visto un proliferare di party “latini” che hanno lasciato la nicchia di piccoli bar per diventare fenomeni maistream. Dal 2015, Fiesta Macumba, che mescola Reggaeton, Cumbia, Salsa, Merengue e Bachata è  uno dei party più frequentati nei Paesi Bassi.

Nato come un appuntamento periodico tra amici, all’inizio era caratterizzato da una selezione di quei brani che pochi dj suonavano nei club locali e comprendeva tracce di artisti come Manu Chao o generi come il Mestizo. “Ogni città ha qualcosa di speciale,” racconta a 31mag Maurino, fondatore della Fiesta Macumba, quando parla della diffusione della sua creatura, oggi con eventi sold-out a Leiden, L’Aia, Utrecht, Rotterdam, Nijmegen, Tilburg e Zwolle e via oltre confine, anche ad Anversa e continuando con l’intenzione di ampliarsi ulteriormente.

Foto credit: Thom Pa, Fiesta Macumba FB page

Maurino è nato e cresciuto ad Amsterdam da genitori cileni, giunti in Olanda come rifugiati durante la dittatura di Pinochet. Uno dei loro desideri era quello di tornare in Cile un giorno, cosa che “è stato incorporata nel mio DNA,” dichiara. Maurino mostra due tatuaggi su ambo le braccia, uno rappresentativo dell’Olanda, l’altro del Cile, “entrambi i posti sono la mia casa, ma al tempo stesso non mi sento veramente a casa da nessuna parte. Mi considero un cileno di Amsterdam,” dice.

Fiesta Macumba è iniziata al Wilhelmina Pakhuis e solo nel 2019 ha contato 50 edizioni in un anno facendo sempre sold out in prevendita e raggiungendo un’audience di circa 1500 ospiti. Fino a poco tempo fa, fare grandi numeri con una serata dance con musica non in inglese, soprattutto in Olanda a base di reggaeton, sarebbe stato quasi impensabile ma per Maurino il riconoscimento va ancora raggiunto: “Siamo visti come un evento di nicchia, non siamo riconosciuti su vasta scala.,” dice a 31mag. “Alla fine non ha importanza, noi facciamo le nostre feste e va bene cosi,” dichiara.

Chi va alla Fiesta Macumba? Generalmente l’audience è mista, e include molti non latini ed è all’insegna della semplicità; ad esempio niente tavoli VIP con bottiglie, così da non creare divisioni e unire quanto più possibile gli invitati. Stessa policy per il dress code: a differenza di altre feste latine è ammesso l’abbigliamento casual. “Devi sentirti a tuo agio in qualsiasi modo ti voglia vestire o far vedere, e venire per divertirti,” dice ancora Maurino.

La “latino mania” è al suo picco e i party che offrono musica urban fusa con sonorità latine spuntano ovunque. A proposito di questo proliferare di feste, Maurino dice: “non ho problemi con il fatto che le persone vogliano trovare modi per guadagnarsi da vivere, ma non sembrano autentici per me.. Questa è la nostra cultura, siamo stati cresciuti con questa musica.”E il party ha già sperimentato una versione estiva XL; un vero e proprio festival da 10mila persone. Non male per reggaeton, cumbia etc in Olanda

Ma divertimento e spensieratezza non hanno fatto dimenticare a Maurino da dove viene: il Cile e stato sconvolto da violente proteste durante lo scorso Dicembre. “La repressione brutale  fa vedere come la cultura e filosofia dell’apparato militare sia rimasto lo stesso che durante la dittatura. Stessa cosa per la costituzione: ora le persone vogliono scriverla loro stessi, per fare ammenda con il passato e io farò tutto quello che è in mio potere per sostenerlo,” dichiara Maurino. Nelle ultime due edizioni di Fiesta Macumba del 2019, 1 euro e stato devoluto per ogni biglietto a sostegno della causa, “non è tanto ma è qualcosa,” afferma l’organizzatore.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!