“I dati del software usato nei motori diesel dei modelli Suzuki Vitara e della Jeep Grand Cherokee sono in contrasto con quelli d’emissione dei suddetti veicoli” ha dichiarato il servizio olandese per il traffico stradale RDW in un report d’indagine effettuato su 16 veicoli.

Entrambi i modelli indicati precedentemente sono prodotti dalla Fiat Chrysler.

Secondo l’RDW sia nella Vitara, sia nella Cherokee il sistema che riduce le emissioni di monossido di azoto si disattiverebbe in maniera irregolare. Il Pubblico Ministero è stato già messo al corrente del fatto e potrebbe seguirne un’indagine.

Dei 16 veicoli testati, tutti sono dotati di un software per la riduzione delle emissioni che ha dato differenti risultati in situazione di test rispetto ad una condizione di normale utilizzo, ma i produttori dei restanti 14 veicoli hanno provato che l’operatività ridotta del software è necessaria per prevenire guasti al motore.

L’RDW ha deciso di iniziare questo processo di testing dei veicoli diesel nei Paesi Bassi in seguito allo scandalo che ha colpito la Volkswagen nel 2015. Si attendono adesso gli sviluppi della vicenda che riguarda direttamente il gruppo Fiat-Chrysler.