Fiandre, insegnanti contro la riforma delle vacanze scolastiche

Secondo un sondaggio condotto dall’Unione Cristiana degli Insegnanti CDC, la stragrande maggioranza degli insegnanti fiamminghi sarebbe contraria ad una riforma della durata delle vacanze scolastiche. Le scuole valloni e quelle francofone di Bruxelles stanno adottando dei provvedimenti che vedono le vacanze estive di due mesi accorciarsi di due settimane e la pausa di metà trimestre in autunno e primavera di due settimane invece di una.

Il COC ha intervistato 5.300 persone. Il 78% degli intervistati ha detto di non essere affatto a favore della riduzione delle vacanze estive di due settimane. Il segretario generale del sindacato, Koen Van Kerkhoven, ha dichiarato al quotidiano De Morgen che “il risultato è chiaro: non c’è sostegno alla riduzione delle vacanze estive”.

Il sindacato cristiano degli insegnanti ha condotto il sondaggio dopo che il ministro fiammingo dell’istruzione Ben Weyts aveva chiesto ai consigli di istruzione, ai sindacati degli insegnanti e alle associazioni dei genitori un parere entro la fine dell’anno scolastico il 30 giugno.

La ricerca ha dimostrato che le vacanze scolastiche lunghe come quelle estive di due mesi nelle Fiandre sono particolarmente dannose per i bambini dei gruppi vulnerabili. Da quest’estate le vacanze scolastiche estive nelle scuole medie inizieranno una settimana più tardi (il 7 luglio) e finiranno una settimana prima (il 24 agosto) con le vacanze di metà autunno e primavera che dureranno due anziché una settimana dal nuovo anno scolastico.

Se le Fiandre decidessero di seguire la Comunità Linguistica Francofona nell’accorciare le vacanze estive, la misura si applicherebbe all’istruzione primaria e secondaria, ai centri di orientamento per studenti (CLB), all’istruzione artistica a tempo parziale, all’istruzione degli adulti e all’istruzione superiore.

I sindacati degli insegnanti temono che le vacanze estive accorciate ridurranno l’attrattiva della professione in un momento in cui c’è già una carenza di personale docente.

SHARE

Altri articoli