The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NEWS

Ferrovie, impennata nel numero di passeggeri: ProRail vorrebbe 30 nuove stazioni

I Paesi Bassi investono sulle stazioni ferroviarie: il miglioramento delle sale d’attesa e dei servizi igienici è al primo posto. In programma, fino a 30 stazioni in più.

L’operatore olandese della rete ferroviaria ProRail ha in programma di investire 3,5 miliardi di euro nei prossimi 10 anni per aumentare il numero di stazioni esistenti. L’idea è quella di far fronte alla crescita prevista di passeggeri. Ci si aspetta infatti un incremento all’incirca del 30-40 percento in più rispetto gli anni scorsi.

ProRail, che è di proprietà statale, ha affermato che i finanziamenti verranno forniti dal governo nazionale e locale così come dalle compagnie ferroviarie.

Pier Eringa, direttore di ProRail, ha dichiarato al giornale olandese De Telegraaf che i fondi verranno prima di tutto utilizzati per apportare dei miglioramenti alle stazioni regionali. Quest’ultime sono attraversate da una media di oltre un milione di persone al giorno e necessitano di urgenti ristrutturazioni.

Eringa ha inoltre dichiarato che, oltre agli iniziali lavori di ottimizzazione, si cercherà di valutare con il governo la possibilità di costruire fino a 30 stazioni nuove.

Ultimi aggiornamenti 

A febbraio, l’operatore di servizi passeggeri NS ha dichiarato di aver riservato 65 milioni di euro alla ristrutturazione dei servizi. Questi fondi verranno utilizzati nei prossimi cinque anni per migliorare lo stato di oltre 200 stazioni ferroviarie.

Le modifiche si concentreranno principalmente sul miglioramento delle strutture per i passeggeri in attesa. In progetto ci sono sale d’attesa più confortevoli e servizi igienici migliori.

Da un rapporto di NS, basatosi su oltre 80.500 viaggiatori, risulta che il 76 percento degli utenti attribuisce alle stazioni ferroviarie un punteggio di almeno sette su 10; un aumento di 11 punti percentuali rispetto al 2014. Sempre secondo NS, il miglioramento è in gran parte dovuto al programma di ristrutturazione delle grandi stazioni ferroviarie in corso da allora.