Microbiz Mag https://www.microbizmag.co.uk/, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

In crescita il numero di lamentele da parte di impiegati a cui è  stata negata l’indennità per ferie – nonostante sia giuridicamente garantita.

Molti lavoratori sono già stati informati dai rispettivi datori di lavoro che per il momento non potranno usufruire delle ferie retribuite per via delle tensioni finanziarie a cui gli imprenditori sono sottoposti, causa della crisi pandemica da coronavirus, riporta BNR sulla base dei reclami ricevuti dal fornitore di assicurazioni legali DAS.

A causa della crisi in corso, le aziende di vari settori particolarmente colpiti dalle restrizioni – settore ristorazione, eventi e piccoli negozianti –  vedono le ferie retribuite come un onere insostenibile al momento, hanno affermato le organizzazioni dei datori di lavoro ONL e VNO-NCW.

Il presidente di ONL Hans Biesheuvel crede che un accordo possa essere raggiunto se i datori di lavoro avranno la possibilità di pagare l’indennità per ferie in più rate o in un secondo momento (in tempi normali, l’indennità è prevista per il mese di maggio).

Sebbene la percentuale di salario che costituisce l’indennità per ferie sia variata nel corso degli anni,  le ferie retribuite sono un obbligo legale per i datori di lavoro dal 1969. L’anno scorso, circa un olandese su dieci ha affermato che il proprio datore di lavoro avrebbe trattenuto l’indennità per ferie retribuite a causa della crisi da Covid-19.