The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Farmacia ad Amsterdam rimuove Gaper; considerata caricatura “razzista”

Dopo un’accesa discussione sui social, una farmacia al centro di Amsterdam rimuove il Gaper, considerata una caricatura razzista, che si trovava sopra la sua insegna.

Sopra all’insegna della farmacia, dipinta con cura, ora c’è uno spazio vuoto – che una volta era riempito da un “gaper”. Il busto di legno, che si trovava nel cuore di Amsterdam, è stato portato via dopo un dibattito sul fatto che fosse o meno “razzista”.

Lunedì sopra il cartello “drogisterij”, c’era solo un supporto metallico. Il proprietario dell’azienda, Harry Piet, ha detto che la figura nera dipinta che era lì da tanto tempo – con le sue labbra spesse e gli orecchini d’oro – è stata rimossa immediatamente, dopo alcune interazioni che gli avevano lasciato “una sensazione spiacevole”.

“Ho deciso, insieme al proprietario dell’edificio a cui appartiere il “gaper”, di portarlo via”, aveva riferito.

Una discussione social

La discussione è iniziata una settimana fa, quando una colonnista del Volkskrant, Sylvia Witteman, ha fatto un tweet – che è diventato virale – scrivendo che lei era “sorpresa” che la caricatura fosse “ancora appesa al centro di Amsterdam”.

Il tweet si è diffuso velocemente e ha provocato una moltitudine di reazioni sui social media.

Tuttavia, in seguito ha affermato che è rimasta sorpresa che la sua osservazione sia “stata presa sul serio da alcuni idioti” e che “i gapers sono realizzati in tutti i colori e non hanno nulla a che fare con il razzismo

Il registra olandese Martin Koolhoven ha sintetizzato bene alcune reazioni contrarie, rispondendo “non lo trovi in qualche modo caricaturale?”.

Gapers: arte popolare olandese dal XVI secolo

L’immagine era una rappresentazione tradizionale olandese di un chimico o farmacista, secondo lo storico dell’architettura Walther Schoonenberg. “I Gapers in generale hanno la bocca aperta e sporgono una lingua su cui giace una pillola”, ha riferito a Parool.

“Possono essere neri, bianchi o mulatti, ma la loro caratteristica è che devono apparire un po’ esotici. Devono promuovere l’idea che le medicine provengano da un posto molto lontano e siano buone”.

Ha anche aggiunto che i gapers sono una tradizionale olandese dal 16° secolo e che questo esempio, che è stato fatto da un artista dopo che il modello precedente era stato rubato nel 2016, a suo avviso non era razzista solo perché rappresentato con sembianze esotiche.

Un portavoce del museo di Amsterdam, che ha 4 gapers nella sua collezione, ha riferito che le figure hanno una “storia complessa” come insegne dei negozi di medicine. Il museo farmaceutico nazionale online ha una galleria di insegne, compresi 120 documenti realizzati prima del 1925, e li descrive come della “bellissima arte popolare”.

Piet ha dichiarato a DutchNews.nl che la sua attività si sta attualmente astenendo da ulteriori commenti.