MEDIA

MEDIA

Facciamo “shadow banning” a FB: gli articoli di 31mag arriveranno prima altrove

di Massimiliano Sfregola

 

Il blackout di FB, IG e Whatsapp e la vicenda della whistleblower che ha esposto le policy discutibili di Facebook sull’algoritmo -che dà priorità alla polarizzazione, anche laddove la pratica può a ragione essere considerata pericolosa- sono un campanello d’allarme. Ma cosa fare?

Siamo troppo piccoli per chiudere con FB ma sappiamo che l’azienda che veicola gran parte dei nostri contenuti non agisce in modo etico. Allora, se non possiamo proprio “toglierci da Facebook” magari possiamo aumentare la nostra presenza altrove sui social media, su piattaforme meno compromesse e monopolistiche.

Per questo motivo, da oggi inizieremo a fare un piccolo “shadow banning” a Zuckerberg: troverete meno articoli e con l’eccezione delle breaking news, arriveranno sul nostro profilo FB più tardi. Per leggerle tutte e subito preferiremmo navigaste direttamente sul nostro sito, senza social, ma se proprio non potete evitare, le troverete subito su Twitter https://twitter.com/31magnl e sul nostro canale Telegram https://telegram.me/nl31mag?

Migliorare l’ambiente dei social parte anche da piccoli gesti.

SHARE

Altri articoli