The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

INTERNATIONAL

Ex politico ruandese condannato all’ergastolo perché coinvolto nel genocidio del 1994



CoverPic: Nyamata Memorial Site | Author: Fanny Schertzer | Source: Wikipedia | License: GNU-Lizenz für freie Dokumentation

Ladislas Ntaganzwa è stato condannato all’ergastolo per aver collaborato allo sterminio dei Tutsi ed aver ordinato l’uccisione di oltre 25.000 persone. Un tribunale ruandese ha condannato all’ergastolo l’ex politico ritenuto colpevole di aver orchestrato l’uccisione di decine di migliaia di persone durante il genocidio del 1994, ha detto un portavoce della Corte. In quell’occasione ha ordinato l’uccisione di più di 800.000 Tutsi e Hutu che cercavano di proteggersi.

Ntaganzwa, ex sindaco di Nyakizu nel Ruanda meridionale, era già stato incriminato nel 1996 dall’Arusha, il tribunale penale internazionale con base in Tanzania per il Ruanda che l’ha accusato di incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio, omicidio e stupro. Secondo l’accusa, Ntaganzwa disse ai Tutsi di abbassare le braccia, ma dopo diede l’ordine di iniziare il massacro ed i gendarmi e la polizia spararono sulla folla.

Il tribunale è stato chiuso cinque anni fa e sostituito da un altro organo, il Meccanismo internazionale residuo per i tribunali penali, con uffici ad Arusha e L’Aia. Alexis Musonera, avvocato di Ntaganzwa, ha dichiarato di voler presentare ricorso contro la sentenza.

“Abbiamo in programma di fare appello perché le prove in udienza si basavano su alcune testimonianze, ma ciò non era sufficiente poiché alcuni testimoni si contraddicono. Non siamo contenti di questo lungo periodo di prigione” ha detto Musonera all’agenzia di stampa Reuters.

Il giudizio è avvenuto tramite videoconferenza mentre Musonera ha usato Skype per seguirlo con Ntaganzwa nella prigione di Mpanga, nella provincia meridionale del paese. Ntaganzwa è stato arrestato nel dicembre 2015 nella Repubblica Democratica del Congo. Il Ruanda lo ha preso in custodia a marzo 2016. Pare che gli Stati Uniti abbiano pagato fino a 5 milioni di dollari per delle informazioni in modo da potere arrestare il criminale.

Gli altri responsabili del genocidio in Ruanda

La condanna arriva poco dopo che Felicien Kabuga, il più grande latitante ruandese dai tempi del genocidio, sia stato arrestato in Francia dopo 25 anni di fuga. Il ricco uomo d’affari è accusato di aver fornito machete agli assassini e di fomentare il massacro. Mercoledì scorso, Kabuga è comparso in un tribunale francese e ha negato le accuse. La sua richiesta di libertà su cauzione è stata respinta. Inoltre, pretende un processo in Francia e non in Africa.

La scorsa settimana il Meccanismo internazionale residuo per i tribunali penali ha annunciato anche la morte dell’ex ministro della Difesa Augustin Bizimana, un altro dei latitanti più ricercati.

L’ultimo sospetto di genocidio di alto profilo a piede libero è Protais Mpiranya, ex comandante della Guardia presidenziale delle forze armate ruandesi.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!