La corte d’appello di Bruxelles ha confermato la colpevolezza dell’ex membro del parlamento fiammingo Christian Van Eyken e di sua moglie Sylvia Boigelot per l’omicidio dell’ex marito della signora Boigelot, Marc Dellea.

Van Eyken è stato per anni l’unico deputato francofono nel parlamento fiammingo, dice VRT, un personaggio noto nel paese ma travolto da questo caso di cronaca nera a sfondo passionale, accaduto 24 anni fa.

L’8 luglio 2014 Marc Dellea venne stato ucciso nel suo appartamento nel quartiere Laken a Bruxelles con un colpo alla testa e i giudici hanno confermato che l’omicidio è stato compiuto dalla coppia, nonostante questi abbiano negato ogni addebito

All’epoca il signor Van Eyken e la signora Boigelot erano amanti e si sono sposati poco prima della sentenza di primo grado. Condannati allora a 23 anni di carcere, dopo il processo d’appello la pena è stata inasprita: dovranno ora trascorrere 27 anni dietro le sbarre. Come già detto, i due hanno negato un coinvolgimento nella vicenda ma i giudici sono stati di altro avviso.