Il governo Olandese si troverà a dibattere una proposta di legge controversa: garantire l’eutanasia per i bambini sotto i 12 anni.  Hugo De Jonge, ministro della sanità, ha portato questo dilemma  al consiglio dei ministri.

Il dibattito verte sulla differenza tra le cure palliative date ai bambini malati terminali per non farli soffrire e l’eutanasia.

Un report di esperti degli ospedali di Groningen, Rotterdam e Amsterdam ha scoperto che alcuni bambini potrebbero soffrire perchè i dottori sono spaventati dall’affrettare la loro morte.

Il sondaggio è stato condotto su 72 dottori. La maggior parte pensa che l’eutanasia sui bambini malati terminali sia accettabile se richiesta dai genitori, e che una nuova legge dovrebbe essere varata.

Fino ad ora, l’eutanasia non è stata praticata su bambini sotto i 12 anni. In Belgio l’eutanasia è garantita anche ai bambini dal 2014. In Olanda, i bambini sotto un anno di vita che sono severamente malati, vengono aiutati a morire grazie alle leggi LZALP del “protocollo Groningen”. I bambini dai 12 ai 15 anni posso chiedere l’eutanasia se i genitori sono d’accordo. Mentre i giovani adulti tra i 16 e i 17 anni possono ottenerla se i genitori ne sono al corrente.

Il dibattito si sarebbe dovuto svolgere a inizio anno, ma a causa del coronavirus si svolgerà solo nelle prossime settimane.

Un portavoce del consiglio dei ministri ha detto a DutchNews.nl che questa discussione presenta molte difficoltà, per il conflitto tra partiti liberali e cristiani in parlamento.

Alcuni sondaggi sui giornali Olandesi prevedono una divisione nella coalizione governativa. Un portavoce per ChristenUnie ha annunciato di non opporsi alle cure palliative, che possono essere date ai pazienti la cui morte si aspetta nelle 12 settimane seguenti. ChristenUnie è contro all’eutanasia per bambini, in quanto non mentalmente competenti per prendere questa decisione. Terminare una vita è un dilemma difficile a cui è quasi impossibile trovare risposta. 

Il dibattito che si terrà nelle prossime settimane prenderà in considerazione una proposta di Pia Dijkstra, di D66, che vorrebbe estendere la legge sull’eutanasia agli over 75 che non vogliono più vivere anche se in salute.

Ci si aspetta che nei prossimi otto anni le richieste di eutanasia raddoppino. Steven Pleiter, presidente dell’Expertisecentrum Euthanasia (ex clinica di fine vita) dell’Aia, ha detto a Trouw che,  che con l’aumento delle persone anziane,  i casi annuali di eutanasia potrebbero raddoppiare a circa 12.000.