Gli organizzatori olandesi dell’Eurovision Song Festival di quest’anno stanno valutando possibili alternative allo spettacolo previsto nell’arena Ahoy di Rotterdam, nel caso in cui il festival debba essere spostato a causa del coronavirus. Il coronavirus è stato diagnosticato nei Paesi Bassi. Come sede di eventi internazionali, stiamo ovviamente seguendo da vicino gli sviluppi del coronavirus. Siamo in contatto con le autorità responsabili e seguiamo le linee guida dell’Istituto nazionale per la sanità pubblica e l’ambiente (RIVM) e dell’Associazione per la sanità pubblica e la sicurezza (GGD)” dice Ahoy

L’evento di quest’anno è organizzato da NPO, l’emittente pubblica olandese che coopera con l’Unione Europea di Radiodiffusione (UER), ogni anno organizzatrice dell’evento. “In questo momento è troppo presto per entrare in diversi scenari, dato che questi ultimi dipendono dagli sviluppi nel prossimo periodo”  ha detto un portavoce. Il nostro obiettivo, nonostante il coronavirus, è ancora quello di produrre un indimenticabile Eurovision Song Festival.”

L’appuntamento è previsto per tre giorni: le semifinali il 12 e il 14 maggio e le finali il 16 maggio.
In totale i partecipanti dovrebbero essere circa 65.000, due terzi rappresentati dal pubblico e il resto da membri delle delegazioni nazionali, funzionari e sponsor. Altri 200 milioni di persone guardano la finale in TV. Rotterdam ha trattenuto 8.500 biglietti per i residenti a basso reddito della città portuale. Per il momento, l’evento dovrebbe andare avanti come previsto. “Per noi, la salute e la sicurezza dei nostri visitatori, espositori, organizzatori, fornitori e dipendenti sono fondamentali” Ahoy ha detto. “A questo punto le autorità non vedono motivo di riprogrammare gli eventi“.

Author: David Jones Source: Flickr Licence: CC