The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Europa diventi “climate-neutral” in fretta: Frans Timmermans promuove il “Green deal”UE

Il commissario europeo olandese Frans Timmermans si è posto l’obiettivo di fare dell’Europa il primo continente “climate-neutral“.  La sua intenzione è quella di presentare, insieme alla sua collega Ursula von dre Leye, un “Green Deal” che ha lo scopo di ristrutturare l’intera legislazione europea.

Come scrive il Volkskrant, il piano avrà un impatto maggiore sulle industrie, il trasporto, gli impianti energetici e l’agricoltura. Per riuscire a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, Timmermans propone di ristrutturare milioni di case in maniera da renderle energicamente efficienti e di piantare 2 miliardi di alberi. Lo scopo è di spingere l’attuale obiettivo del 40% in meno di emissioni di CO2 entro il 2030, al 50% o al 55% di riduzione delle emissioni. La percentuale esatta verrà annunciata a ottobre dell’anno prossimo in seguito a uno studio della commissione Europea.

Per essere sicuri che questo Green Deal non crei dicotomie tra i paesi europei, Timmermans ha proposto lo stanziamento di un fondo di 100 miliardi di euro. Questi soldi hanno lo scopo di tranquillizzare gli Stati membri che temono di essere colpiti più duramente da questa transizione all’energia pulita, in maniera tale che non si blocchino davanti a queste proposte di cambiamento. “Non lasceremo indietro nessuno” si legge nelle dichiarazioni dell’accordo.

Un altro piano del Green Deal include delle restrizioni più dure sull’utilizzo di macchine e camion a benzina e diesel, verranno creati  in tutta Europa, 1 milione di nuovi punti per cariare le macchine elettriche a spese dell’UE. Per finanziare questo verranno aggiunte strade a pagamento o tassati i chilometri in più posti.

Oltre al trasporto, il piano include una proposta per “l’acciaio pulito”. Questo prevede che l’acciaio sia prodotto senza emissioni di CO2 a partire dal 2030. Per proteggere le compagnie europee dalle competizioni sleali, sono previste tasse sui prodotti provenienti fuori dall’unione che utilizzano invece emissioni. Ci sarà anche un piano di azione per la produzione di batterie pulite e per l’incremento di un’agricoltura sostenibile. La commissione vuole anche che la Banca Europea degli Investimenti rilasci sul mercato nei prossimi dieci anni 1000 miliardi di euro in investimenti “verdi”. 

Le ambizioni di Timmermans verranno elaborate come proposte legislative nei prossimi due anni, dopodiché dovranno essere approvate dagli stati membri dell’Unione Europea.