La sindaca di Amsterdam Femke Halsema riconosce che l’approccio frammentato attualmente utilizzato per affrontare le gang che trafficano droga nella capitale, va rivisto.

Commentato il nuovo report pubblicato mercoledì mattina dal Telegraaf, secondo il quale le autorità cittadine non sono in grado di affrontare il crimine legato alla droga ha riconosciuto che il problema è sociale.

Il documento si basa sull’inchiesta condotta dal giornalista Jan Tromp e da un docente dell’UvA, specializzati nelle infiltrazioni criminali in aziende e istituzioni.

“La lotta contro la droga è stata per anni di bassa priorità per la polizia di Amsterdam, limitandosi ad indagini sugli omicidi nel sottobosco criminale”, ha detto la Halsema. Manca un approccio strutturale, prosegue la sindaca, mentre ad oggi il pm si è concentrato su singoli casi.

Il Telegraaf ha definito quella attuale “un’età d’oro per i criminali della droga di Amsterdam” dove gran parte dei proventi viene riciclato in attività legali quali bar e proprietà immobiliari.

Delle 337 licenze di bar e caffè richieste l’anno scorso, il 50% riguardava prestiti privati ​​e il 35% dei finanziatori aveva precedenti penali, secondo il rapporto