Credit pic:  MJSmit, Source: Wikimedia, Licence: CC 3.0

Una zona diventata a rischio sismico per gli scavi e l’ estrazione di gas. Stiamo parlando del nord dell’Olanda, della zona che circonda la città di Groningen dove è localizzata la più grande riserva di gas di Europa e la decima nel mondo. Scoperta nel 1959, ha fornito gas in grande quantità e a basso costo all’economia nazionale, sostenendo la crescita economica del Paese nel corso degli anni. Ma, come spesso succede, la natura presenta il conto: a partire dal 1985, infatti, sono stati diversi i terremoti registrati dagli strumenti scientifici e avvertiti dalla popolazione. Il 29 dicembre dello scorso anno, è stato segnalato l’ultimo, con un’intensità pari a 2.8 gradi sulla scala Richter, che ha provocato danneggiamenti di lieve entità a un gran numero di edifici cittadini. Proprio la paura di incidenti ripetuti e  di eventi sismici dalla maggior intensità ha spinto la popolazione cittadina e l’amministrazione comunale a chiedere al governo centrale di intervenire, al fine di mettere in sicurezza l’area e di garantire un futuro senza timori per la popolazione di Groningen.  Se il ministro degli affari economici, Henk Kamp, appartenente al partito liberale (VVD), ha annunciato una lieve riduzione, da 42, 5 a 39,5 miliardi di metri cubi di gas, della quantità estratta nella zona, molti rimangono convinti che si tratti di un semplice palliativo, un modo per dilatare i tempi e per non affrontare veramente il problema. Tra gli insoddisfatti si possono annoverare non solo i partiti dell’opposizione, come il Partito Socialista(PS) o i Verdi (GroenLinks), ma anche alcune voci all’interno della “grande coalizione” social-liberale al governo in Olanda. In particolare, sono da ricordare le parole del parlamentare del PvDA( partito laburista) Jan Vos che, nella recente visita nel nord del Paese, ha dichiarato che “il ministro deve prendere in considerazione un’ulteriore riduzione dell’estrazione di gas dalla zona intorno a Groningen, al fine di assicurare un’esistenza sicura agli abitanti”.