Il mese scorso, la polizia ha arrestato quattro sospetti nell’ambito delle indagini sulle cinque esplosioni nei supermercati polacchi di Aalsmeer, Heeswijk-Dinther, Beverwijk (due volte) e Tilburg.

I sospetti sono uomini di età compresa tra i 20 e i 26 anni, tutti di Amsterdam. Il 20enne sospettato è stato arrestato in Francia con un mandato d’arresto europeo, scrive il Pubblico Ministero.

A causa delle indagini in corso non sono note altre informazioni, dice NOS.

A gennaio, un 19enne di Rotterdam era stato arrestato in relazione a un’esplosione in un supermercato polacco a Beverwijk. È stato rilasciato, ma è ancora un sospetto scrive l’OM. Non sono esclusi ulteriori arresti.

Il team investigativo messo in piedi per le indagini presume che si tratti di azioni coordinate contro i supermercati, non c’erano indicazioni che le esplosioni avessero lo scopo di colpire i polacchi nei Paesi Bassi.

Quattro supermercati su cinque non erano di proprietà di polacchi e gli ordigni impiegati erano artigianali, scrive NOS.