Il congresso internazionale per la conservazione della natura invita i Paesi Bassi ad astenersi da nuove estrazioni di gas nel mare di Wadden. Al Congresso mondiale dell’IUCN a Marsiglia, un invito del Waddenvereniging, tra gli altri, a non avviare nuove estrazioni di gas nella riserva naturale è stato approvato a larga maggioranza, dice NOS.

“Ciò significa che i governi e gli ambientalisti di tutto il mondo chiedono al governo olandese di lasciare il gas sotto al mare di Wadden”, afferma l’Associazione Wadden che lancia l’allarme sulle intenzioni poco ambientaliste del governo.

Il Congresso IUCN è iniziato il 3 settembre e continua ancora oggi. L’organizzazione ha più di 1.400 membri, inclusi governi e organizzazioni per la protezione della natura e dell’ambiente. L’appello del Waddenvereniging ha già ricevuto il sostegno di 23 organizzazioni per la conservazione della natura di paesi europei e africani.

“Poiché la regione di Wadden è importante per gli uccelli e le persone di tutto il mondo, abbiamo presentato questa mozione”, afferma Frank Petersen del Waddenvereniging. “Questo è un sito unico del patrimonio mondiale dell’UNESCO e un’area naturale protetta che è di grande importanza, ad esempio, per gli uccelli che volano dalla Siberia all’Africa”.

Secondo lui, la nuova estrazione di gas ha un effetto sia sul cambiamento climatico che sulla natura unica del mare di Wadden.

La polemica è soprattutto rivolta al ministro uscente Stef Blok che sarebbe favorevole alla trivellazione per il gas a Ternaard. Secondo il Leeuwarder Courant, lunedì il ministro del VVD visiterà Ternaard con l’obiettivo di convincere i residenti, dice NOS.