Le tre Regioni di sicurezza che hanno chiesto aiuto alla difesa (Twente, Gelderland e Groningen) per la logistica nelle case di cura e negli ospedali, potranno averla da mercoledì, ha detto il ministro della giustizia Ferdinand Grapperhaus, secondo RTL Nieuws.

“La necessità non ha precedenti”, scriveva in quella lettera il sindaco di Groningen Koen Schuiling: Groningen e Twente hanno a che fare con un numero in rapida crescita di contagi e allo stesso tempo, l‘assenteismo tra il personale delle case di cura e di cura e di assistenza ai disabili è in rapido aumento.

Ora è possibile chiamare la difesa per fornire assistenza: 1000 dipendenti dell’esercito potranno essere impiegati almeno fino a febbraio. Il tipo di assistenza logistica che i militari possono offrire è di ogni tipo, spiega RTL. La situazione è di straordinaria gravità perché di norma è la Croce Rossa ad essere mobilitata. L’esercito è l’estrema ratio.

L’arrivo degli aiuti è una buona notizia per le province perché nella lettera-appello, le autorità delle province annunciavano lo scenario più cupo: il rischio che il servizio minimo di assistenza sanitaria non potesse più essere garantito.

L’esercito, ricorda RTL, era stato già impiegato durante la pandemia: per la costruzione rapida dei centri-test e per l’assistenza al trasporto di malati.