Sono circa 19mila i teenagers olandesi che farebbero un uso esagerato di energy drinks. Un’abitudine seriamente rischiosa per la salute come ha sostenuto anche l’Istituto di salute pubblica RIVM. Il Ministro della Sanità Paul Blokhuis sta discutendo della situazione con diverse organizzazioni, riporta NOS.

Secondo gli studi dell’RIVM il consumo di bevande energetiche sarebbe diminuito negli ultimi anni. Ma ancora circa l’1-2% degli adolescenti tra i 13 e i 18 anni ne beve tre o più lattine al giorno. Il consumo di queste bevande comporta seri rischi di aritmie cardiache e ha ripercussioni anche sul sistema nervoso centrale.

Blokhuis sta chiedendo che i medici siano sempre più attenti al consumo eccessivo degli energy drinks e forniscano le informazioni necessarie per valutarne i rischi. Vorrebbe anche dare maggiore rilevanza alle linee guida del Centro di Nutrizione. Secondo il Centro di Nutrizione infatti i ragazzi sotto i 13 anni non dovrebbero berne affatto e teenagers dovrebbero farne un uso altamente moderato, come una lattina per giorno.

Questa settimana Aldi e Lidl avevano annunciato che avrebbero presto fermato la vendita di bevande energetiche ai ragazzi minori di 14 anni. All’inizio dell’anno i pediatri olandesi avevano chiesto che ne fosse vietata la vendita ai minori di 18 anni.