“Questo paese non sarà bloccato”, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura Schouten a margine della protesta dei manovali. Il ministro degli affari economici Wiebes ha aggiunto: “Non provocheremo una crisi economica”.

Ma indipendentemente dagli annunci, la politica non ha ben chiare le soluzioni migliori da implementare in tempi brevi. Quella più fattibile e di più rapida esecuzione, scrive RTL, sembra essere la riduzione della velocità massima consentita sulle strade.

In precedenza, il governo aveva affermato che non sarebbe stato in grado di prendere una decisione fino all’inizio del prossimo anno, ma secondo il giornale, una soluzione è ora considerata “urgente”. Altre possibilità, quali le compensazioni, ossia ridurre le emisisoni in determinati settori per compensare l’aumento nell’edilizia, non sembrano possibili nell’immediato.