Photo by Anmarrfaat License: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/legalcode cropped

Prima il niet era totale. Ora è un sì ma con condizioni: oltre a 50 persone vulnerabili, il governo olandese ha ceduto su 50 minori non accompagnati. Ma ad una condizione: devono avere meno di 14 anni. Unico problema, scrive NOS, è che di minori che rispondono a queste caratteristiche non ce ne sono molti. In larga parte, si tratta di ragazzi tra i 16 e i 18 anni.

Se i partiti cristiani hanno già anticipato che da parte loro il limite non verrà considerato tassativo, e quindi i più grandi potranno essere accolti, la responsabile per la questione migranti -che è del VVD- non si sbilancia ancora:  “Insieme ai greci, agli Stati membri sostenitori e alla Commissione europea, si sta ora esaminando quali persone verranno trasferite e dove”, ha detto la sottosegretaria Ankie Broekers-Knol.

Konstantinidou Despina, direttore di un centro che ospita 87 minori non accompagnati di Moria, è molto sorpreso che i Paesi Bassi facciano richieste a coloro che vogliono aiutare. “Quando aiuto, aiuto tutti. Questi ragazzi sono senza genitori. Questo è il problema. Nessuno li sostiene. Che abbiano 15, 16, 17 o 18 anni, non importa.”