Negli ultimi mesi i Paesi Bassi hanno speso miliardi per la lotta alla diffusione del coronavirus. Il conto, ad oggi, ammonterebbe a quasi 1,5 miliardi di euro, spesi per indumenti protettivi e altre attrezzature mediche; 700 milioni di euro sono stati spesi per i vaccini e 300 milioni di euro per i test, scrive AD basando i suoi calcoli su una modifica al budget che verrà presentato in autunno e che conterrà anche il calcolo aggiornato della spesa-corona.

Le attrezzature ammontano per ora a 1,42 miliardi di euro – 930 milioni di euro per le mascherine, 30 milioni di euro per i guanti, 10 milioni di euro per occhiali protettivi e 150 milioni di euro per circa 4 mila respiratori. Il governo ha anche guadagnato 180 milioni di euro dalla vendita di attrezzature e dispositivi di protezione medica agli operatori sanitari.

Il governo ha stanziato 700 milioni di euro per lavorare su un vaccino, insieme a Paesi Bassi, Germania, Francia e Italia. I costi esatti, tuttavia, non sono noti. Il ministro della Sanità Hugo de Jonge risponderà alle domande sugli accordi sui vaccini solo in lettere riservate al parlamento, perchè la tematica è considerata di interesse nazionale, scrive AD.

Finora il governo ha speso 300 milioni di euro per i tamponi e stando alle stime, questa somma dovrebbe essere sufficiente per coprire i test fino a settembre.