A spoglio quasi ultimato, sono ormai sotto i riflettori vincitori e vinti della tornata elettorale di ieri: nonostante abbia perso 3 seggi, il VVD, partito del premier Mark Rutte, rimane il primo partito del paese. Raddoppiano voti e seggi i cristiano-democratici, che a maggio dovrebbero raccogliere 12 seggi e raddoppia la rappresentanza anche il D66, che passa da 5 a 10 seggi al senato. L’SP è il primo partito a sinistra, dopo il crollo dei laburisti del Pvda che dimezzano i seggi. E grande sconfitto è anche Wilders: il PVV perde due seggi e per la quarta tornata elettorale vede un calo dei consensi. Se il quadro fosse definitivo, la coalizione di governo VVD-Pvda, raccoglierebbe appena un terzo dei seggi al senato. Il  governo Rutte, può contare alla Eerste Kamer sull’appggio di 3 “responsabili” (D66, SGP, CU) ma dopo il voto di ieri, la somma dei 5 partiti mancherà la maggioranza per tre seggi.

Il governo non è a rischio

Secondo il premier Mark Rutte, la coalizione liberali-laburisti, non sarebbe messa a rischio dalla deludente performance elettorale dei due partiti; nonostante rimanga il più votato, il VVD va giù di tre seggi rispetto al 2011. Esultano Sybrand Buma, leader del CDA, oggi indispensabile alla coalizione ed Alexander Pechtold, leader del D66: il primo si dice disposto a sostenere l’esecutivo ma non a costo zero.

Province verdi (CDA) e blu. D66 primo partito ad Utrecht, Groningen unica provincia “rossa”.

I cristiano-democratici sono primo partito nel Friesland, nello Zeeland e nel Flevoland. Testa a testa con il PVV nel Limburg.
VVD al comando nel Drenthe, Noord-Brabant e nel Gelderland. Anche nel NoordZuid-Holland il VVD è primo partito. Fuori dal trend nazionale Utrecht e Groningen: la prima è a maggioranza D66 mentre a Groningen l’impegno sulla vicenda relativa all’estrazione del gas, ha premiato l’SP.

Risultati provinciali/senato nel 2011 e (parziali) oggi

                                                                             2015                                                      2011

VVD                                                                  13                                                             16

Pvda                                                                   8                                                             14

CDA                                                                    12                                                             11

PVV                                                                     9                                                              10

SP                                                                          9                                                              8

D66                                                                     10                                                             5

Groenlinks                                        4                                                              5

CU/SGP                                             5                                                               3

50plus                                                2                                                               1

Pvdd                                                   2                                                                1

Altri                                                                     1                                                                 1