I primi Exit poll di NOS, eseguiti dall’Istituto Ipsos, confermerebbero una vittoria per il partito di Mark Rutte (35 seggi) ma darebbero al D66, i liberal-democratici, il miglior risultato della sua storia con 27 seggi. Il Groenlinks, la sinistra rosso-verde, vedrebbe dimezzato il numero di seggi. Male anche il CDA, i cristiano democratici che perderebbero 5 seggi.

Giù di 3 seggi anche il PVV Wilders e se questi primi Exit poll fossero confermati, il partito di Baudet, Forum voor Democratie, avrebbe guadagnato 7 seggi, dai 2 del 2017, risalendo la china rispetto alle provinciali.

Tra le new entry, ingresso fragoroso di Volt, con 4 seggi e poi il sovranista JA21 con 3 e Bij1, il partito multietnico di Sylvana Simons con un seggio. Entrerebbe a sorpresa anche BBB, il “partito dei boeren” che nessun sondaggio aveva rilevato.