The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Elezioni europee

Elezioni europee, Mark Rutte: solidarietà dall’est sui rifugiati o reintrodurremo i controlli alla frontiera

In vista delle elezioni della prossima settimana il primo ministro illustra la sua visione d'Europa

In vista delle elezioni per il Parlamento europeo della prossima settimana, il primo ministro Mark Rutte parla della sua visione per l’Europa. Secondo il leader del VVD, le sue idee a riguardo sono cambiate. “L’Europa è un mercato e una valuta, ma è stato aggiunto un punto”, ha detto a Nieuwsuur mercoledì sera. Questo punto è la sicurezza. Senza l’Unione europea, i Paesi Bassi sono solo un piccolo paese in un mondo grande e sempre più instabile.

“L’instabilità è aumentata nel mondo: quando l’ MH17 è stato abbattuto, ho chiamato i miei colleghi in Europa e oltre, in momenti come questi noti che se qualcosa ci accade come piccolo paese, sei integrato nell’Unione europea. Se tutti i tuoi colleghi dicono “siamo con te come”, ti senti improvvisamente forte. Per la nostra sicurezza l’Unione europea è importante. Non è scontato che qui sarà sempre stabile e sicuro, ecco dove bisogna concentrare gli sforzi. “

Martedì Rutte ha chiamato Thierry Baudet, leader dell’FvD, che dalla sua “torre d’avorio” sta prendendo “rischi irresponsabili per la nostra sicurezza, la nostra stabilità e la nostra prosperità” con la sua posizione sull’uscita dei Paesi Bassi dall’UE. Mercoledì sera, il Primo Ministro ha detto a Nieuwsuur: “FvD è il partito più grande ora, queste elezioni non saranno senza conseguenze: se votate per il Forum, votate per un partito che dice “sapete cosa, porteremo fuori i Paesi Bassi dell’Unione europea “. Una tale Nexit è molto dannosa per il Paese”. Il leader del VVD quindi vuole un dibattito con il leader del FvD prima delle elezioni per il Parlamento Europeo della prossima settimana. Baudet ha accettato il suo invito su Twitter.

Il primo ministro ha anche parlato della lunga impasse dell’Unione europea sulla redistribuzione dei richiedenti asilo. Molti paesi ritengono che i richiedenti asilo dovrebbero essere una responsabilità comune dell’intera UE, ma altri paesi, ad esempio l’Ungheria, rifiutano di assumersi la responsabilità dei richiedenti asilo.

Rutte ritiene che tale impasse possa essere superata minacciando di reintrodurre i controlli alle frontiere all’interno dell’area Schengen. “Molti di questi paesi dell’Europa orientale sono membri di Schengen e ne sono orgogliosi, ma l’adesione ha anche la conseguenza che devi mostrare solidarietà. Se non lo fai, allora potrebbe arrivare un momento in cui reintrodurremo i controlli di frontiera nella parte occidentale dell’Europa”, ha affermato. “Devi far sentire agli europei dell’est, ‘sì, ascolta, non è che puoi ottenere solo cose dall’Europa, devi anche dimostrare solidarietà'”. Rutte ha dichiarato di aver già discusso di questo piano con il presidente francese Emmanuel Macron e che farà presto lo stesso con la cancelliera tedesca Angela Merkel.


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!