Il panorama politico è più frammentato che mai e nonostante la maggioranza sia svanita al senato, Rutte non cede. Questi sono i commenti a caldo sul voto di ieri.

Forum voor Democratie ha ottenuto un’enorme vittoria elettorale e Baudet ha affermato nel suo discorso di vittoria che “l’arroganza e la stupidità” dei leader politici in carica è stata punita. “Siamo stati chiamati al fronte perché il nostro Paese ha bisogno di noi”.

Il primo ministro Rutte vede comunque la situazione con ottimismo. Dice di non essere abituato ad avere una maggioranza al Senato, quindi apre la porta a collaborazioni su singoli temi con altre formazioni all’opposizione.

La speranza di Rutte è in un approccio collaborativo delle opposizioni, sia quella di destra che quella di sinistra. “Quindi conto sul fatto che il paese rimanga governabile con questo risultato per i prossimi anni.”

FvD è difficilmente compatibile con la coalizione di governo e una collaborazione, soprattutto su immigrazione e clima, risulta molto difficile.

Baudet esclude qualunque ipotesi di collaborazione con Rutte e chiede elezioni anticipate. “Non farò trattative con Rutte.”

Secondo il commentatore politico di NOS, Rutte ha molte carte da giocare: tanto il Groenlinks quanto il Pvda sono partiti sui quali potrebbe contare per poter portare avanti la legislatura.