Pic: https://en.wikipedia.org/wiki/Ebru_Umar#/media/File:EbruUmar.jpg

Traduzione: Elena Basilio

La giornalista olandese di origine turca Ebru Umar si chiede se gli olandesi siano razzisti, domanda che segue ogni anno l’arrivo di Sinterklaas. Il dibattito porta a una annuale guerra civile, mascherata da “festa per bambini”, guidata da un olandese trentottenne arrivato dal Ghana e sfuggito a una esistenza misera grazie alla più grande violazione dei diritti umani dei nostri tempi che porta il nome di “ricongiungimento familiare”.

Ma torniamo alla domanda: gli olandesi sono razzisti? Viviamo in un Paese in cui la presidente della Camera dei Deputati è di origine marocchina ed è venuta qui quando aveva quindici anni, un’altra “vittima” del ricongiungimento familiare. Quanto è razzista un popolo che la nomina presidente della Camera dei Deputati?
Viviamo in un Paese in cui la mafia marocchina e quella delle moschee spadroneggiano nelle strade di Amsterdam. I loro esponenti sono nati in Olanda e qui sono stati trasformati in minacce allo stato di diritto. Quanto è razzista un Paese in cui la giustizia, la polizia e la politica si dedicano interamente alla difesa delle nostre vite?

Viviamo in un Paese in cui un partito politico focalizzato alla sovversione dello stesso Paese è tollerato nella Camera dei Deputati. Nessuno dei suoi tre deputati è nato in Olanda. Quanto è razzista un Paese in cui partiti che servono unicamente gli interessi di poteri islamici esteri hanno voce in capitolo sugli interessi dello stato?
Viviamo nel Paese della star televisiva Eva Jinek, che è nata negli Stati Uniti da genitori originari della Repubblica Ceca ed è arrivata qui quando aveva undici anni. Quanto è razzista un Paese in cui chi comanda i media dà alle bionde pieni poteri?

Viviamo in un Paese in cui la figlia di un politico argentino che non era al corrente dei massacri perpetrati da un regime può diventare regina. Quanto è razzista un Paese che accetta una donna come massimo beneficiario di sussidi solo perché sa salutare così bene con la mano? La risposta alla domanda iniziale – conclude Ebru Umar – è in realtà piuttosto semplice: se gli olandesi sono razzisti, io sono orgogliosa di essere olandese. A proposito, pare che il cavallo di Sinterklaas sia andato in pensione. Ora gli succederà un cavallo nero?