The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

THEATER

Due opere teatrali di Annibale Ruccello a Leiden

Il Korego Theater Group ha portato in scena Anna Cappelli e Le cinque Rose di Jennifer del commediografo napoletano



Domenica scorsa, 3 novembre 2019, all’Imperium Theater di Leiden il Korego Theater Group Amsterdam ha dedicato un pomeriggio ad Annibale Ruccello.

Il Korego è un gruppo teatrale fondato ad Amsterdam nel 2016 su inziativa e ispirazione di Carmelinda Gentile. La particolarità del gruppo è che non solo la sua fondatrice è italiana, ma tutto il gruppo lo è. Si tratta di italiani che vivono nei Paesi Bassi e portano avanti la loro passione per il teatro anche oltralpe, recitando esclusivamente in italiano.

Le pièce teatrale messe in scena sono state due, Anna Cappelli e Le Cinque Rose di Jennifer. Entrambi gli spettacoli sono tratti dai testi del commediografo e regista teatrale partenopeo Annibale Ruccello.

Ruccello, originario di Castellammare di Stabia, si laurea nel 1977 in filosofia con una tesi di antropologia culturale. Attore, regista, drammaturgo, è anche uno studioso della cultura e della lingua napoletana. Dopo aver fondato la cooperativa Il carro in collaborazione con Lello Guida, inizia  a lavorare alle sue prime opere, sempre inspirate dalle tradizione popolare.

Anna Cappelli è il titolo del primo spettacolo andato in scena domenica scorsa. Anna Cappelli è anche il nome della protagonista della storia, una giovane donna che di mestiere fa l’impiegata. Vive fuori sede a Latina, in un piccolo appartamento. Si presenta come una donna allegra anche se con delle nevrosi, è molto concentrata su di sé, piena di tabù e convinzioni basate su luoghi comuni. Ciò che emerge subito dalla storia – e che la recitazione di Loredana Nicolini riesce perfettamente a mettere in scena – è l’attaccamento di Anna Cappelli alle cose materiali, manifestazione di una profonda instabilità. Quando Anna Cappelli capisce che sta perdendo l’amore tanto cercato, reagisce in modo inaspettato, dando piena manifestazione di tutte le sue fragilità.

Anna Cappelli è un monologo, accurato e profondo. La regia – a cura di Carmelinda Gentile – ha dato corpo e tridimensionalità alla storia. I costumi e le musiche hanno contribuito a dare suono e colori allo spettacolo. Non solo, sono riusciti a portare il pubblico nell’Italia degli anni Sessanta-Settanta immaginata dall’autore della storia.

Le Cinque Rose di Jennifer, prima opera autonoma di Ruccello scritta nel 1980, racconta di un travestito malinconico nella Napoli degli anni ’70 tra serial killer e telefonate inopportune. In attesa di una chiamata da parte del suo nuovo amore, Jennifer riceve tutte le telefonate del quartiere a causa di un disguido tecnico: scherzi, confessioni, speranze si susseguono fino all’amaro epilogo della vicenda.

La calorosa introduzione di Carmelinda Gentile e il suo ringraziamento finale hanno saputo accorciare le distanze tra pubblico e palcoscenico.

La data di Leiden è stata l’ultima del tour, che ha seguito i teatri di Amsterdam, Utrecht e Roma.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!