Di solito ai musei piace annunciare che un dipinto rinvenuto in un magazzino polveroso è in realtà un capolavoro dimenticato. 

Al Mauritshuis dell’Aia invece i ricercatori hanno esaminato due dipinti tradizionalmente attribuiti a Rembrandt e si sono chiesti se fossero effettivamente del pittore olandese. I quadri del XVII secolo, Study of an Old Man e ‘Tronie’ of an Old Man, sono stati acquistati come autentici nel 1891 e nel 1892.

Ma nel corso degli anni sono cresciuti i dubbi sull’attribuzione delle raffigurazioni che rappresentano personaggi o stati emotivi – “tronie” – piuttosto che individui specifici. Nella pittura barocca fiamminga per “tronie” s’intende un gruppo di tipi di opere comuni che mostra un’espressione facciale esagerata o un personaggio tipo in costume.

Dopo la chiusura della mostra al museo, Rembrandt e Mauritshuis, i due dipinti sono stati rimossi dalle pareti, esaminati e restaurati. Soltanto allora si deciderà se possano essere considerati autentici Rembrandt oppure attribuiti ad un altro artista.

Un portavoce del museo ha riferito che non considera affatto l’operazione un rischio o una potenziale perdita, piuttosto una preziosa opportunità di saperne di più, e forse di dimostrare che nessuno dei due dipinti è un vero Rembrandt.

Nella collezione del museo c’erano 18 dipinti comprati come Rembrandt, e soltanto 11 sono autentici“, ha detto a DutchNews. “Cinque non sono più attribuiti a Rembrandt, i dubbi riguardano questi ultimi due”.

L’indagine richiederà mesi e, anche se dovesse modificare l’attribuzione delle opere, rivelerà informazioni su come sono stati creati i dipinti del 1650 e del 1630 circa.

Un tempo si pensava che fossero ritratti del fratello o del padre di Rembrandt, ma ciò non è documentabile. Edwin Buijsen, responsabile delle collezioni al Mauritshuis ha dichiarato in un comunicato stampa: “Le tecniche disponibili per esaminare i dipinti migliorano di generazione in generazione. Stiamo cogliendo questa opportunità per sperare di rispondere alla domanda se questi sono Rembrandt, una ricerca eccitante che fornirà nuove informazioni qualunque sia l’esito”.