GLOBAL

GLOBAL

Dubai, colpito “maxi cartello” di importatori di cocaina in Europa. 49 arresti, in manette due olandesi

Due olandesi, esponenti di un “maxi cartello” sono stati arrestati a Dubai su richiesta della procura di Rotterdam per aver importato migliaia di chili di cocaina nel Paese. Gli arresti fanno parte di un’operazione internazionale coordinata da Europol contro un “super cartello” europeo. In questo caso sono state arrestate in totale 49 persone.

Il “super cartello” controllerebbe un terzo dell’intero commercio europeo di cocaina. Nel 2021, 14 sospetti erano già stati arrestati nei Paesi Bassi. Altri arresti sono avvenuti in Spagna, Francia e Belgio.

I due sospettati hanno 37 e 40 anni e il primo ha il doppio passaporto, olandese e marocchino: avrebbe importato migliaia di chilogrammi di cocaina nel 2020 e nel 2021 e sarebbe sospettato per aver partecipato a un’organizzazione criminale, dedita al riciclaggio di ingenti somme di denaro, corruzione di ufficiali e possesso di armi da fuoco. L’uomo avrebbe un importante ruolo di coordinamento nell’importazione di cocaina nei porti di Rotterdam, Anversa e Amburgo.

Anche l’altro sospettato ha doppia nazionalità: è cittadino sia dei Paesi Bassi che della Bosnia-Erzegovina. È sospettato non solo di importare cocaina in vari porti europei, ma anche di trafficare migliaia di chilogrammi di materie prime per produrre anfetamine.

Secondo Europol, un totale di 49 sospetti sono stati arrestati in vari paesi durante l’operazione “Desert Light”. Queste sono  figure chiave di un ‘super cartello’ europeo. Secondo Europol, i due sospetti olandesi rientrano nella categoria degli obiettivi di “alto rango”. Una richiesta di estradizione sarà presentata agli Emirati Arabi Uniti per entrambi i sospetti, afferma il Pubblico Ministero.

SHARE

Altri articoli