Il numero di arresti legati al mercato di droga nei Paesi Bassi si è ridotto considerevolmente in gran parte del paese nel corso del 2017, a sostenerlo sono i dati della polizia nazionale pubblicati giovedì.

L’indagine, che copre le aree delle autorità locali con più di 50.000 abitanti, ha mostrato chiare differenze regionali. Ad esempio, la maggior parte delle droghe sintetiche come l’ecstasy e la speed sono prodotte nel sud del paese.

L’anno scorso, la polizia ha fatto irruzione in 127 laboratori di droga nel Brabante e 57 nel Limburgo, rispetto ai 136 del resto del paese. La maggior parte degli arresti per possesso e produzione di stupefacenti sono avvenuti ad Amsterdam; negli ultimi tre anni, la polizia ha arrestato oltre 2.000 persone per possesso e oltre 1.000 per traffico, mostrano le cifre.

Tuttavia, il tasso complessivo di criminalità nella capitale olandese è diminuito del 5%, con un minor numero di casi di borseggi, aggressioni e violenze.