L’uomo fuggito da una clinica psichiatrica a Den Dolder lo scorso fine settimana dopo il congedo non accompagnato è stato rintracciato ed arrestato a Breda questo pomeriggio.

Una foto e una descrizione del 43enne Peter M. sono state distribuite ieri sera perché senza farmaci è considerato pericoloso per se stesso e per gli altri.

M. è stato avvistato e arrestato verso le 13.30 alla stazione di Breda. Secondo il giornale BN DeStem, M. è stato riconosciuto mentre acquistava un biglietto del treno per Dordrecht allo sportello. Due agenti della sicurezza delle ferrovie olandesi lo hanno quindi trattenuto e consegnato alla polizia.

Peter M. tornerà presto in clinica e potrebbe essere trasferito altrove.
La famiglia di M. era molto preoccupata dopo la fuga perchè l’aggressività dell’uomo spesso si concentrava su sua madre. Per questa ragione la polizia ha assegnato alla donna una scorta.

Dove l’uomo sia stato negli ultimi giorni non è ancora chiaro.

M. è stato condannato due anni fa per aggressione e minacce: via Internet aveva minacciato di voler far esplodere la stazione di Dordrecht con una bomba atomica.

L’uomo è psicotico e soffre di schizofrenia. Dopo la sentenza è stato rinchiuso nella stessa clinica di Michael P., l’assassino di Anne Faber.