NL

NL

Dopo il Covid meno turisti cinesi in Olanda

Dall’inizio di quest’anno, gli oltre 1,4 miliardi di abitanti della Cina sono nuovamente autorizzati a viaggiare all’estero ma le presenze di turisti nei Paesi Bassi sono calate, dice NOS. A Giethoorn attendevano un flusso di visitatori dal paese asiatico questa primavera ma di fatto non sono arrivati in molti.

E non sembra che andrà meglio quest’estate dato che non sono ancora state effettuate molte prenotazioni dalla Cina. Per Giethoorn, tuttavia, non è un grosso problema. “I visitatori cinesi sono un extra per noi”, dice De Boer.  

Il Designer Outlet di Roermond era una destinazione popolare per i cinesi prima della crisi Covid, che visitavano spesso quando viaggiavano da Amsterdam a Parigi o Düsseldorf. E i turisti cinesi hanno speso una quantità di denaro relativamente elevata.

Prima del Covid,  ad Amsterdam arrivavano circa 60.000 visitatori cinesi all’anno. “Se lo guardiamo con ottimismo, speriamo di arrivare di nuovo a circa 10.000 quest’anno”, afferma Benno Leeser che offre tour in una fabbrica di diamanti.

Secondo lui, il basso numero di visitatori cinesi è dovuto anche al fatto che i biglietti aerei ora sono molto più costosi.  

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli