The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Donazione di organi. Una famiglia su cinque nega la donazione nonostantente il consenso del defunto.

Source: Pixnio Licence: Public Domain (CC0) 

Secondo la Fondazione Olandese per la Donazione di Organi, una donazione su cinque viene bloccata dalle famiglie dei donatori, nonostante il defunto avesse dato il consenso.

Lo scorso anno 250 persone hanno donato uno o più organi dopo la morte, l’8% in meno rispetto al 2018. Eppure, la direttrice della fondazione Bernadette Haase afferma che si tratta di una variazione di poco conto in questo campo. Tuttavia, il 19% dei casi bloccati dalle famiglie è un dato preoccupante e per di più i familiari non forniscono nemmeno una reale spiegazione, dichiara Haase. Nel 2018 il 12% delle famiglie si è opposta alla donazione di organi, non rispettando la volontà del defunto. Attualmente sono 1,271 le persone in lista di attesa per la donazione, il 6% in più rispetto all’anno scorso. Mercoledì in Senato si discuterà questo argomento.

La nuova legge sulla donazione di organi prevede che tutti i residenti sul territorio nazionale olandese saranno automaticamente registrati come donatori, a meno che non neghino esplicitamente il consenso. Ad oggi i familiari, nel rispetto della volontà del defunto, possano acconsentire l’espianto degli organi o negarlo. Ockje Tellegen, parlamentare del VVD, rende noto che molti non hanno ancora espresso il loro consenso per la donazione. Questo fattore, sommato alla perdita della persona cara, potrebbe determinare una maggiore difficoltà da parte dei membri della famiglia nel decidere la questione della donazione.