The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Donatori gay monogami, i partiti di sinistra chiedono che la banca del sangue non li discrimini



Gli uomini omosessuali devono poter donare il sangue se vivono una vita monogama e praticano sesso sicuro, questo è quello che pensano i partiti di sinistra VVD, D66 e GroenLinks. I partiti si stanno battendo per far sì che la banca del sangue Sanquin allenti le restrizioni sulle donazioni da persone omosessuali.

La richiesta, come riporta il Telegraaf,  al ministro della sanitò Bruno Bruins è quella di aprire un’indagine a riguardo. Al momento la banca del sangue Sanquin non accetta sangue da parte di uomini che anno avuto rapporti sessuali con altri uomini nei precedenti quattro mesi. Questo perchè chi ha avuto molti partner ha un più alto rischio di aver contratto HIV o epatite.

Il VVD, D66 e GroenLinks, però, credono che queste misure di precauzione discrimino i gay che praticano sesso sicuro. Vorrebbero che queste restrizioni fossero applicate solo su donatori con uno stile di vita a rischio. Per questo motivo hanno mobilitato il ministero della Sanità a rivedere i parametri.

Sanquin è alla ricerca di più donatori maschi. in questo momento sono le donne le donatrici più diffuse. La Sanquin vorrebbe invertire la tendenza. 

Il ministro Bruins ha dichiarato che è in effetti negativo che i gay siano esclusi dalle donazioni ma ha sottolineato come la sicurezza dei pazienti sia più importante. Ha inoltre aggiungo che la Sanquin ha già diminuito il periodo di restrizione per gli uomini che hanno avuto più rapporti con altri uomini da un anno a quattro mesi.