Migliaia di imprenditori della ristorazione in tutto il paese, domani apriranno le terrazze in forma di disobbedienza civile per protestare contro le riaperture che li escludono, dice NOS.

Secondo Johan de Vos, direttore della filiale di Breda di Koninklijke Horeca Nederland (KHN), che avviato questa campagna, la protesta avrà luogo in diversi modi: qualcuno aprirà la terrazza, qualcun altro si limiterà ad azioni simboliche.

De Vos ha annunciato la sua azione giovedì scorso dopo la polemica sui parchi pieni di persone a causa del bel tempo. Le attività di ristorazione vogliono dimostrare che le persone possono sedersi in sicurezza, a prova di corona, su una terrazza, secondo De Vos. “Chiediamo la fiducia del governo”.

In alcune città ci saranno “manichini seduti” in terrazza, mentre altre gli imprenditori hanno allestito sedie e tavoli per i clienti che portassero da casa le loro bevande, dice NOS.

La stessa De Vos, domani aprirà del tutto la sua terrazza sul Bredase Ginnekenmarkt, proprio come il suo vicino di business. Il bar riceverà una multa di 4.000 euro.