CoverPic@PublicDomain

Doggerland, anche detta “l’Atlantide del Nord”, è il nome della gigantesca porzione di terra che andava dalla Scandinavia al nord della Francia, dove ora si estende il Mare del Nord. Doggerland fu abitata per un milione di anni dall’uomo preistorico. Gli ippopotami nuotavano nel fiume Mosa e le iene e i mammut vagavano nelle steppe.

Con la mostra Doggerland – Vanished World in the North Sea, il National Museum of Antiquities di Leida presenta la prima grande retrospettiva su questo sito preistorico. L’innalzamento del livello del mare ha fatto scomparire Doggerland tra le onde circa ottomila anni fa. Solo nel 1800 ci si rese conto che sotto il Mare del Nord c’era stato molto più di quanto si pensasse. A quel tempo infatti i pescherecci inglesi riportarono sulla terraferma i resti di mammut e altri animali e piante preistorici.

Scene della preistoria

“Cammino sulla spiaggia in modo diverso in questi giorni”, dice al Volksrant Luc Amkreutz, curatore della mostra. La costa vicino all’Aia è infatti un luogo importante per trovare resti fossili e manufatti del Doggerland. Si va dalle asce a mano (“i coltelli tascabili svizzeri” dei Neanderthal) alle ossa decorate con motivi geometrici. Uno dei preferiti di Amkreutz è una scena di caccia congelata dei tempi preistorici: un pezzo di mascella di cervo rosso che contiene una punta di freccia di selce. Il cervo è probabilmente sfuggito ai suoi cacciatori, poiché l’osso intorno alla punta della freccia di selce sembra essere cresciuto.

Il fatto che così tanto sia stato trovato in buone condizioni è dovuto al fondo del Mare del Nord, che conserva i fossili coprendoli rapidamente con sedimenti e alle condizioni anaerobiche (senza ossigeno) sotto l’acqua. Questo dà meno possibilità ai batteri e alla decomposizione.

Il museo vuole dimostrare che l’uomo preistorico non è poi così diverso dall’uomo moderno del 21° secolo. “Stiamo cercando di portare in vita la storia della preistoria”, dice Amkreutz. Indica i disegni che l’illustratore Kelvin Wilson ha fatto per la mostra. In una delle illustrazioni l’osso in vetrina si trasforma in un oggetto rituale di uno sciamano preistorico.

In un altro disegno il visitatore guarda dritto negli occhi azzurri di un Neanderthal stanco. Egli si sta allontanando con la sua famiglia (e il suo cane) per l’acqua.

La ricerca dei fossili

La mostra si concentra anche sui collezionisti amatoriali di fossili. Le spiagge di Maasvlakte 2 e il banco di sabbia artificiale ‘De Zandmotor’ sono luoghi di ricerca molto popolari. Si può quasi inciampare nelle conchiglie e nelle ossa preistoriche. Nelle vetrine, i loro tesori sono esposti su cuscini con sopra una foto e la storia del fortunato trovatore.

“La ricerca di fossili sulla spiaggia ha ricevuto una spinta in più dalla crisi di Coronavirus”, dice Amkreutz. Lui, nativo del Limburg, “ama di più la spiaggia quando c’è qualcosa da trovare”. I ricercatori e i collezionisti amatoriali condividono le loro scoperte in un gruppo di app. Il che è un buon esempio di citizen science, forma di ricerca in cui volontari e scienziati lavorano insieme.

Sul suo telefono, Amkreutz mostra dei video che ha ricevuto oggi. I volontari stanno lavando via la sabbia e denti di animali preistorici e selci appaiono nelle loro mani. Uno dei ricercatori più diligenti è lo studente quindicenne Cédric, la cui vasta collezione di fossili non è inferiore a quella del museo.

Doggerland, una mostra anche sul presente

Anche se Doggerland è una mostra sulla preistoria, un articolo di giornale del 2020 nell’ultima sala richiama immediatamente il visitatore al presente: il ghiaccio della Groenlandia non si è sciolto così tanto in mezzo secolo come adesso. La storia di un milione di anni di Doggerland mostra che la natura cambia sempre e che il nostro ambiente non è mai stato stabile. A differenza dei tempi preistorici, la ricerca scientifica mostra che l’umanità stessa è ora il fattore principale dell’aumento del livello del mare.

“Forse l’umanità dovrebbe riconsiderare la sua posizione in relazione alla natura”, filosofeggia Amkreutz. “L’uomo preistorico sapeva che il suo ambiente era mutevole e si spostava da un luogo all’altro. Siamo concentrati sul rimanere dove siamo, e poi cercare di sottomettere la natura”.

Spera che la mostra possa essere uno specchio per i visitatori. “Doggerland alla fine è scomparso tra le onde, ma spetta all’uomo contemporaneo fare in modo che i Paesi Bassi non diventino la seconda Atlantide del Mare del Nord”.