The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CINEMA

Divertirsi al sicuro? Primi esperimenti di drive-in ad Amsterdam

Occupato da sole quindici vetture, lo Stadio Olimpico di Amsterdam sembra un po’ desolato. Ma questa è solo una prova. Mercoledì sera, il cineasta Martin Koolhoven ha inaugurato il primo drive-in olandese al tempo del Covid per trenta operatori sanitari, due per auto.

Il programma della serata? un film di Stanlio e Ollio per iniziare, Monthy Pyton al tramonto e il classico MASH di Robert Altman (1970) quando è diventato buio.

I cinema drive-in sono un modo “sicuro” per intrattenersi durante una pandemia. Rispetto a un cinema, una terrazza, un ristorante o una palestra, i drive-in sono praticamente a prova di bomba. In Germania, dove sono una vivace sottocultura, i drive-in sono rimasti aperti durante la chiusura e ora si stanno espandendo. Negli Stati Uniti, culla del drive-in, fanno buoni affari e in Iran hanno fatto il loro debutto proprio durante il coronavirus.

In un’estate senza festival, potrebbe essere un’alternativa divertente anche nei Paesi Bassi. Ma i drive-in rientrano tra gli eventi e sono quindi vietati fino a settembre.

Ad Amsterdam il concetto è semplice: si arriva in macchina sotto la tribuna all’altezza della pista di atletica leggera, si ricevono cuffie e uno spuntino, si torna al parcheggio per godersi lo spettacolo. A volte il telo dove si proietta il film ondeggia leggermente al vento, i moscerini sul vetro appaiono graffi su un disco di vinile. Suonare il clacson – un mezzo di comunicazione popolare nel drive-in americano – è proibito nello Stadio Olimpico.

Gli automobilisti trovano i drive-in una bella iniziativa, ha confermato Halsema, sindaca di Amsterdam, nel consiglio comunale. Ma Halsema non può discostarsi dalle decisioni nazionali, soprattutto dopo quello che è successo a Piazza Dam qualche giorno fa. Carla De Groot, direttrice dello Stadio Olimpico, spera che il governo faccia un’eccezione per i drive-in e al momento preferisce occuparsi di sviluppare un modello di business sostenibile per ospitare quante più spettatori possibili.